Costo energia elettrica: 4 consigli fondamentali per risparmiare

In media, una famiglia italiana composta da nucleo di quattro persone consuma circa 3600 Kw l’anno per un costo che si aggira intorno ai 900 euro. Se a questo si aggiungono i rincari sulla bolletta, come l’aumento dell’iva e delle spese fisse, è possibile superare la media di 1000 euro annuali solo per le spese di energia elettrica, sommando i consumi effettivi, delle spese, fisse, oneri, tasse e iva, canone TV.

Purtroppo, non è possibile agire sulle spese fisse ma si possono ottimizzare i costi risparmiando, almeno in parte, sul consumo effettivo, ovvero sui costi variabili.

Per risparmiare sulla bolletta della luce è necessario, quindi, modificare alcune abitudini e comportamenti che incidono in maniera determinante sui nostri risparmi.

Per ottimizzare i costi e i consumi, è sufficiente seguire tre semplici regole che condizionano in minima parte le nostre abitudini quotidiane

1. Spegnere sempre luci e tutti i dispositivi elettronici

Un errore comune che si tende a commettere è quello di lasciare in stand-by i dispositivi elettronici ed elettrodomestici della propria abitazione o ufficio. PC, TV, Microonde e altri componenti influiscono negativamente sul nostro portafogli. È fondamentale, quindi, spegnere tutti i dispositivi, in alcuni casi staccando la presa dalla parete, tutte le volte che non si ha la necessità di utilizzarli.

In questo modo, seppure in parte, si ottiene un risparmio di circa 50 euro l’anno.

2. Sostituire le vecchie lampadine con luci LED

Le luci a basso consumo sono acqua passata, è bene tenerlo a mente. Una lampadina a basso consumo tende a surriscaldarsi. Inoltre, l’accensione e lo spegnimento continuo, insieme con il calore che genera, tendono a far esaurire il suo ciclo vitale prima del tempo.

Sostituire la vecchia illuminazione con lampadine LED apporta numerosi vantaggi. Primo tra tutti, non è necessario attendere che si illumini alla sua massima potenza (come avviene con quelle a risparmio energetico) e, quindi, l’energia si disperde con un risparmio di circa l’80%.

3. Scegliere gli elettrodomestici dalla Classe A in su

Gli elettrodomestici sono indispensabili tanto per i single quanto per le famiglie ed è davvero impensabile eliminare queste comodità dalle nostre abitudini di vita. È altrettanto vero, però, che l’uso frequente di lavatrici, lavastoviglie, forni elettrici, condizionatori, ecc…incide maggiormente sui costi. Per questa ragione è consigliabile acquistare elettrodomestici di classe energetica A+++. Per quanto il costo inizale sia decisamente più elevato, la spesa verrà ammortizzata nel medio termine dal risparmio sulla bolletta.

4. Scegliere il gestore che garantisce maggiori risparmi

Da quando è nato il mercato libero dell’energia elettrica sono nate numerose aziende di servizi di fornitura luce e gas. La concorrenza ha portato alla conseguente introduzione di tariffe di risparmio e agevolate per utenze domestiche e aziende, per cui oggi si ha la possibilità di scegliere tra le compagni più vantaggiose.

Per conoscere le offerte migliori del momento e comparare i prezzi tra tutte le aziende di servizio fornitura di energia elettrica si possono utilizzare piattaforme online come Rhezoe, che mette a confronto tutte le tariffe energetiche di ogni compagnia presenti sul territorio nazionale ed aiutare le famiglie e i single a risparmiare sulla bolletta della luce.

Scroll Up
rhezoe.it
Logo